In un lembo remoto d'Italia, la costa jonica calabrese attorno a Locri, è esploso nel 2009 un fenomeno musicale e culturale straordinario. Mimmo Cavallaro con i TaranProject ha tenuto in sei mesi oltre settanta concerti, conoscendo un successo via via sempre più travolgente, fino a suscitare un'autentica passione collettiva.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
INTRODUZIONE - - - il GRUPPO - - - il CONCERTO - - - i CD - - - i TESTI - - - le INTERVISTE - - - le STORIE
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Venimi a cercari, pe' mari e pe' terra...

Il sempre ottimo Sarocrissemy, con fantastico tempismo, ha caricato su youtube il video del nuovo brano, "Passa lu mari".
Il nostro Francesco Franco, con competente dedizione, ha decifrato e trascritto il testo.
Ecco qua!


Passa lu mari

Oilì Oilà, si mi vo' beni
passa lu mari e venimi a cercari.
Venimi a cercari pe' mari e pe' terra,
duvi la genti non passanu mai...

Sugnu partitu 'nta na notti scura,
n'anedu d'oru 'nta mari jettai.
Ohi mala sorti, desertu di ventu,
'nta lu me cori paura e turmentu.
Vaju a trovari 'na terra luntana,
ma 'nta lu cori mi portu a vui,
a vui chi siti a luci 'i chisti occhji
chi notti e jornu vidinu a vui...

Oilì Oilà, si mi vo' beni
passa lu mari e venimi a cercari.
Venimi a cercari pe' mari e pe' terra,
duvi la genti non passanu mai...

Sugnu sbarcatu tra Riace e Caulonia
terra del sud, e di lira che sona.
'Na tarantella a Piazza Mesi,
cu' Santu Lariu nu palestinesi;
cu' l'iracheni e nigeriani
allu Spiruni 'ndi stringimu li mani.
Nesci lu suli e ancora ballamu,
'na tarantella e no 'ndi stancamu,
'na tarantella e no 'ndi stancamu.

Oilì Oilà, si mi vo' beni
passa lu mari e venimi a cercari.
Venimi a cercari pe' mari e pe' terra,
duvi la genti non passanu mai...

Qualche precisazione:
Piazza Mese e Lu Spiruni sono due piazze di Caulonia, dove si balla in occasione del Festival di fine agosto;
S. Ilario è il santo protettore di Caulonia;
Caulonia e Riace sono i due paesi dove sono nate le più importanti iniziative sociali di accoglienza e integrazione a favore dei profughi sbarcati sulle coste della Locride, e degli extracomunitari in generale: la lungimirante alternativa jonica ai fatti di Rosarno di qualche mese fa.

11 commenti:

  1. bravi ragazzi,bravi davvero.Mi sembra un testo molto interessante!aspetto con ansia di poterlo ascoltare dal vivo. Mi piace tanto,come già ho avuto modo di dire,poter leggere che esiste un'alternativa a "i fatti di Rosarno"...da insegnante che guarda ogni giorno negli occhi di bambini immigrati..non può che piacermi chi accoglie con amore e con pietà.Bravo Mimmo e band anche questa volta.Questo è il volto della Calabria che amo...

    RispondiElimina
  2. bellissima canzone...ma sentirla dal vivo nn a prezzo questa estate o inseguito mimmo x tutta la calabria e poi e arrivato nel mio paese (cittanova)a settembre e stato il giorno piu bello della mia vita vedere mimmo ke canta nel mio paese la aspettavo da tanto...brava bravi ...bravi a tutto il gruppo di mimmo e cosimo...vi adoro...

    RispondiElimina
  3. marianna speranza29 dicembre 2010 15:50

    diciamoccela tutta senza tarantella la vita nn è bella

    RispondiElimina
  4. ciaooo..ank io sn di cittanova è vero sentire mimmo dal vivo è qualcosa di davvero meraviglioso..!!grande mimmmo ti adoro..<3

    RispondiElimina
  5. marianna hai decisamente ragione..:)senza tarantella la vita nn è bella..!!condivido al massimoooo..!!

    RispondiElimina
  6. Mimmooooooo Ti Amoooo

    RispondiElimina
  7. si potrebbe avere la traduzione di questa bellissima canzone??

    RispondiElimina
  8. Ecco la traduzione:

    Passa il mare

    Oilì oilà, se mi vuoi bene
    passa il mare e vienimi a cercare.
    Vienimi a cercare per mare e per terra,
    dove la gente non passa mai.

    Sono partito in una notte scura,
    l'anello d'oro in mare gettai.
    O malasorte, deserto di vento,
    nel mio cuore paura e tormento.
    Vado a trovare una terra lontana,
    ma nel cuore mi porto voi,
    voi che siete la luce di questi occhi
    che notte e giorno vedono voi.

    Oilì oilà, se mi vuoi bene
    passa il mare e vienimi a cercare.
    Vienimi a cercare per mare e per terra,
    dove la gente non passa mai.

    Sono sbarcato tra Riace e Caulonia,
    terra del Sud, della lira che suona.
    Una tarantella a Piazza Mese,
    con Sant'Ilario un palestinese;
    con gli iracheni e i nigeriani
    allo Sperone ci stringiamo le mani.
    Esce il Sole e ancora balliamo,
    una tarantella e non ci stanchiamo.

    Oilì oilà, se mi vuoi bene
    passa il mare e vienimi a cercare.
    Vienimi a cercare per mare e per terra,
    dove la gente non passa mai.

    RispondiElimina
  9. quali sono gli accordi?

    RispondiElimina