In un lembo remoto d'Italia, la costa jonica calabrese attorno a Locri, è esploso nel 2009 un fenomeno musicale e culturale straordinario. Mimmo Cavallaro con i TaranProject ha tenuto in sei mesi oltre settanta concerti, conoscendo un successo via via sempre più travolgente, fino a suscitare un'autentica passione collettiva.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
INTRODUZIONE - - - il GRUPPO - - - il CONCERTO - - - i CD - - - i TESTI - - - le INTERVISTE - - - le STORIE
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Hjiuri di HjiuMari - il giorno dopo

Le pietre millenarie del Tempio di Marasà a Locri, sotto lo sguardo argentato di una luna jonica, sono state accarezzate, e risvegliate per magia. I colori, le fragranze, le emozioni: sono sbocciati, vitali e delicati, i nuovi Fiori dei TaranProject.
Ecco la scaletta del concerto, con i dieci brani nuovi.

Oilì Oilà
U salutu
Passeggera
Perla d'argentu (Cosimo)
L'aroggiu d'amuri (Cosimo)
Lu massaru
Parrami di lu suli
Santu Roccu

Ninna nanna (Giovanna)
Cugnu di li trona
Vorria (Giovanna)
Sapuri di pajisi
Citula d'argentu (Cosimo)
Pizzicarella (Cosimo)

Spagna (Cosimo)
Mulinarella
Stilla chjara (Cosimo)
Mariola
Brigante se more (Giovanna)
U jimbusedu

La prima impressione - ad un ascolto ahimè approssimativo, via internet - è che la qualità sia immutata ed eccelsa, ma che quest'estate ci potrebbe essere un po' più da ascoltare e commuoversi, e un po' meno da ballare. O forse così sarà fino a che i nuovi brani non scenderanno nelle piazze, dove la dimensione da recital, perfetta per il contesto in cui li abbiamo conosciuti ieri, potrebbe mutarsi in altra più corporea e partecipata.
Il Tour estivo è in partenza. Ora i nuovi fiori, dopo aver lambito le nobili pietre elleniche, troveranno dimora tra i sassi e le vene d'acqua che scendono a mare, e saranno allora compiutamente "Hjiuri di HjiuMari".
Fiori di artisti sopraffini, fiumare di passione popolare che travolge i paesi della Locride.
Giusto il tempo di prender confidenza, di mandare a memoria i testi, di lasciare che le melodie ci entrino nel sangue...

Il primo autorevole commento apparso sul web è di Gianluca Albanese.
Qui sotto le impressioni di altri amici che erano presenti.

8 commenti:

  1. una serata veramente spettacolare... le canzoni facevano a gara x avere il titolo della + bella!! Nuovi testi, scritti da Cavallaro, nuove musiche, mischiati a canzoni riprese dal cassetto e riarrangiate, tra queste 'Cugnu di li Trona' x me una delle + emozionanti, una canzone capace di far rabbrividire la pelle, ke da molto e molto tempo nn cantava piu..
    Ciascuno ha la sua parte in questo nuovo lavoro 'Hjiuri di Hjiumari', e questo rende l idea di un gruppo ormai consolidato.. sonaturi e pubblico..
    poi cè questa lira ke viene suonata ank da Alfredo Verdini, nel 'duetto lira e voce con Giovanna Scarfò' e Gabriele Albanese 'un maestro dei fiati'..
    Una grande serata.. ank se le ' Serate di Mimmo' son ben diverse ma quella di ieri sera era ..diversa.. era d'ascolto , poi c'era la curiosità di sentire queste nuove perle da aggiungere al repertorio della nostra tradizione...
    e poi ke dire, sul finale non c'è n'è stato + per nessuno.. tutti in piedi e via alle danze sulle note di spagna, mariola, mulinarella, brigante se more ecc. ecc.
    ed ora l'attesa è x il concerto di piazza.. ma senza sedie e senza poltrone, Mimmo Cavallaro non può essere seguito stando seduti..

    RispondiElimina
  2. Francesco Franco29 giugno 2010 17:30

    "Se lu suspiru ndavissi la parola / Chi bellu messaggeru chi sarìa..."
    Mi sono rimaste in testa queste tra le centinaia di parole delle nuove canzoni di ieri sera...
    Memorizzare una frase e cercare la prossima, significava dimenticare quella precedente, ma c'è tempo !
    La situazione era ovviamente 'particolare' , a cominc...iare dalla location, tanto suggestiva quanto necessariamente un po' dispersiva anche per la differenza di pubblico e di sistemazione (In gran parte seduto) .
    Un paio di canzoni, come succede al primo ascolto, mi sono rimaste più impresse : quella di cui riporto il verso e una bella ninna nanna cantata a piena voce da Giovanna accompagnata con la lira da Alfredo. Aspettiamo con impazienza di riascoltare...
    Naturalmente all'arrivo di 'Stilla chjiara' e 'Mariola' non ci siamo trattenuti !...

    RispondiElimina
  3. siete dei fenomeni....non vedo l'ora di riascoltarvi dal vivo...imparerò da qui le vostre canzoni e ne sarò portavoce...shalom da israele,

    Valentina

    RispondiElimina
  4. grandi favolosi e stato bellissimo ieri sera.....marco

    RispondiElimina
  5. Nell'area archeologica della città di Zaleuco e sotto una luna piena splendente, anch'essa incantata dalla bellezza delle melodie dei nuovi brani,dalle bellissime voci di Mimmo, Cosimo e Giovanna, ecco un altro miracolo targato TP e Mimmo Cavallaro! Tutti attoniti ad ascoltare i nuovi brani, increduli di tanta bellezza, una sublimazione di suoni e melodie che non avevamo ancora udito. E poi un gran finale che ripropone i mitici brani Spagna, Mariola, Giovanna che canta "la terra è nostra e non s'ha da tuccà" e noi tutti a rispondere con le mani alzate..."nun s'ha da tuccà" urlato da migliaia di voci... Attendiamo un nuovo giorno, un altro concerto..ed un altro miracolo..verrà compiuto...

    RispondiElimina
  6. Resoconto dell'evento anche su La Riviera in edicola il 4 luglio, a pag. 37.
    Ecco il link alla versione online:
    http://www.larivieraonline.com/public/giornale/1027/giornale.pdf

    RispondiElimina
  7. AIUTOOO!
    C'è una canzone che fa:"Pe tia vorria mu vaju a natuni"
    coem si chiamaa???

    RispondiElimina
  8. La canzone si chiama "Pe' ttia", puoi trovare il testo in uno degli ultimi post...

    RispondiElimina