In un lembo remoto d'Italia, la costa jonica calabrese attorno a Locri, è esploso nel 2009 un fenomeno musicale e culturale straordinario. Mimmo Cavallaro con i TaranProject ha tenuto in sei mesi oltre settanta concerti, conoscendo un successo via via sempre più travolgente, fino a suscitare un'autentica passione collettiva.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
INTRODUZIONE - - - il GRUPPO - - - il CONCERTO - - - i CD - - - i TESTI - - - le INTERVISTE - - - le STORIE
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

2 aprile, Caulonia in piazza

Caulonia è un posto speciale.
Perché ha dato i natali a Mimmo Cavallaro, direte voi: sì, certo, ma non è a questo che sto pensando. Né al fatto che qui si tiene a fine agosto il Kaulonia Tarantella Festival, manifestazione che cresce d'importanza anno dopo anno; e neanche al fascino arcaico della tradizionale processione del Caracolo, che si attende per il Sabato di Pasqua. Nemmeno mi riferisco alla particolare bellezza di un borgo tra i più suggestivi dell'entroterra calabrese, che si mostra e si cela, altero tra gli ulivi, a chi salga dalla marina, per accoglierlo poi nella spirale di stradine medievali percorse da brezze volubili, tra belle piazze e improvvisi squarci paesaggistici.
E' che Caulonia costituisce, da sempre, un mondo a parte.
Una piccola patria dell'utopia, dell'orgoglio, della condivisione. Fin dai tempi epici della Repubblica Rossa, e poi in questi anni in virtù delle tante iniziative di apertura e accoglienza ai migranti di ogni etnìa.
Per sabato prossimo, 2 aprile, l'amministrazione della città di Caulonia ha proclamato uno Sciopero cittadino, cui aderiscono i Sindacati confederali, il periodico La Riviera e molte associazioni locali: risuonerà, isolato e forte, un grido di allarme, e ancor più di sdegno, per come - in quest'anno di celebrazioni - il Sud d'Italia viene raccontato, e per come di conseguenza viene trattato, da chi detiene le leve nazionali dell'informazione e del potere.
Ad aprire la grande manifestazione, a Piazza Bottari, sarà un momento musicale: il sindaco Ilario Ammendolia ha pensato di chiamare due artisti che hanno dato lustro in questi anni al nome della città, Fabio Macagnino e Mimmo Cavallaro. Fabio aprirà alle 9,30 con qualche brano dal bellissimo cd, fresco di stampa, dei suoi Scialaruga.
Alle 10 (di mattina!) toccherà ai TaranProject: e siamo sicuri che, come altre volte, daranno il meglio di sé nell'inventarsi diversi in un orario e in un contesto insoliti, e più di qualsiasi oratore sapranno disporre i cuori dei presenti ad una giornata di solidarietà e di riscatto collettivo.
Mimmo Cavallaro, a dispetto di chi pensa che la sua musica sia solo rivolta ad un passato idealizzato, si è dimostrato sempre sensibile alle tematiche sociali: sin dai tempi della canzone “Castrum Vetus”, dedicata proprio a Caulonia e alla Repubblica Rossa (nei commenti qui sotto è riportato il testo, trascritto grazie all'impegno sapiente di Giuseppina e Francesco Franco), fino ai numerosi riferimenti, nei brani più recenti, agli sbarchi sulle coste della Locride (Passa lu mari) o all'istintiva determinazione a schierarsi dalla parte dei vinti (“Focu mu pigghja a tutti li patruni...e 'n paradisu 'nbeci li garzuni...”).
Chi può, sabato, vada a Caulonia: l'occasione per vedere un artista che non ha eguali in un paese che non ha eguali, e per riaffermare un diritto che rischiamo di dimenticare, quello a immaginare un'Italia diversa.

7 commenti:

  1. CASTRUM VETUS

    E' una canzone che Mimmo cantava qualche anno fa, ma a cui non saprei attribuire un'esatta collocazione cronologica. L'ho recuperata, grazie a Cosimo Pellegrino, in uno degli innumerevoli cd con canzoni di Mimmo che circolano sulle bancarelle...
    Notevole l'atmosfera notturna, concitata e fremente, come in altri testi di Mimmo: ardore, emozioni, paura si mescolano in un groviglio pulsante.
    Naturalmente, il Cavallaro a cui si fa riferimento nel testo è il sindaco che fu a capo della Repubblica Rossa.

    Castrum vetus mari nostrum (4 volte)
    Allarmi, allarmi, curriti cristiani,
    alla marina c'è genti strania,
    genti strania venuta pe mari....
    Curriti genti nta li portusi,
    lumeri astutati e porti chiusi
    lumeri astutati e porti chiusi!
    Notti di luna alla muntagna,,
    briganti e regnanti si strinseru a manu,
    briganti e regnanti si strinseru a manu!
    Notti di luna nta li jhumari,
    ciarameda chi sona e briganti a ballari,
    ciarameda chi sona e briganti a ballari!!
    Brilla u curtedu, sangu chi cula,
    gridu di lupu, briganti chi mori,
    gridu di lupu, briganti chi mori!!
    Allu Finocchiu briganti di razza,
    a Castania lu 'ncuntri pi via,
    lu bersaglieri è u cchiu feroci,
    si lu 'ncuntrati, facitivi a cruci,
    si lu 'ncuntrati, facitivi a cruci!
    Castrum vetus mari nostru
    E Cavallaru, lu prufissuri,
    omu di puzzu e d'intellettu,
    genti armata nta lu pajisi,
    Rivoluzioni, rivoluzioni!
    Genti chi grida, genti chi fuji,
    omani e fimmini d'ogni cuntrada,
    Stranu, Cufò, Gozza e Migghiusu,
    Ursini, Campuli e San Nicola,
    allu mercatu genti 'ncazzata,
    nta li catoja 'gnuri ammucciati
    rivoluzioni, rivoluzioni!!!

    RispondiElimina
  2. (..) Beh, con i compagni si concludeva ch'era un errore partire: avremmo arricchito altre regioni, avremmo votato per altri politici che poi al Parlamento avrebbero badato ai problemi della loro comunità, mentre il sud sarebbe rimasto indifeso e sempre più emarginato. Colonia. Colonia d'Italia, colonia d'Europa. Al diavolo il sud e tutti quelli del sud che aspettano anno dopo anno la manna, invece di rivoltarsi, invece di appiccare il fuoco ai politicanti ottusi e disastrosi più del terremoto, io mi dissi, e capivo che il male sta in noi stessi e piantai mio padre sul più bello e partii."

    Queste sono parole di Saverio Strati, pescate nel libro “Il selvaggio di Santa Venere”. Noi calabresi abbiamo una letteratura che in pochi conoscono, credo, di sicuro se ne parla pochissimo. Di sicuro nelle scuole non si insegna la storia delle nostre Regioni, pochi credo che abbiano una conoscenza globale dei fatti e dei personaggi calabresi, e io sono una di quelle. Mala tempora currunt. La conoscenza e la cultura (da cui poi deriva discernimento e capacità di critica, ecco il nocciolo duro che oggi spaventa i Piani Alti!!) non sembra essere priorità della società attuale. Non avevo mai sentito parlare, prima di venire a contatto dei Tp e della Locride, della Repubblica di Caulonia. Per un giovane, non studiare sui banchi di scuola la propria storia è grave. Per una terra martoriata come la nostra, che potrebbe dar tanto, è importantissimo che si conosca l'esempio, seppure utopico, non riuscito, di una ribellione allo sfruttamento, che sia latifondista, che sia intellettuale e morale.
    Mi piace moltissimo la canzone “Castrum vetus”, i suoi toni essenziali, non mediati da numerosi strumenti, aspri, incalzanti, che parlano di notte e jhumara, e briganti, e fanno aumentare i battiti cardiaci a chi immagina nella sua mente “notti di luna nta li jhumari, ciarameda chi sona e briganti a ballari...”
    E i vocalizzi finali dell'affascinante voce di Mimmo rendono anche il “gridu di lupu, briganti chi mori..”
    Devo inoltre riconoscere, con amarezza, come sia ancora tristemente attuale quel “briganti e regnanti si strinseru a manu”....

    RispondiElimina
  3. Posto qui di seguito il componimento “La Repubblica di Caulonia”, versi e musica di Fortunato Sindoni, uno degli ultimi cantastorie siciliani; esso fu composto,appositamente per il Kaulonia Tarantella Festival, nel 2005, e racconta dei movimenti rivoluzionari antilatifondisti capeggiati a Caulonia da Pasquale Cavallaro nel 1945.

    “Si mi susteni u sensu e la raggiuni
    e lu me cori non mi fa 'mpedimentu
    cantu lu tempu di quandi li “gnuri”
    vulivanu servi la povira genti!
    Strisciava a mafia arreri 'e so patruni,
    serpi affamata cu vilinusi denti
    spittandu calma lu giustu mumentu
    p'approfittari pu so giuvamentu!

    A Caulonia di luntanu tempu
    tirava avanti stu nefandu andazzu;
    stintava assai u poviru scuntentu,
    pi prepotenti era un gran sollazzu!

    A liggi non sintia stu lamentu
    e pattiava cu chiddi du palazzu!
    Forti chi debbuli p'apprufittari,
    chi forti debuli pi s'allisciari!

    A guerra fici i cosi piggiurari.
    Poti mai a guerra fari carchi beni?
    Pi puvareddi, in particulari,
    s'assummanu la fami e li peni!
    “Così la vita non poti durari:
    assuggittati a sti tinti jeni!
    Cu teni assai si l'havi a spartiri
    cu puvareddu ca sta pe muriri!

    Così gridava, senza scantu aviri,
    pi nostri tempi jeni un casu raru;
    un veru omu d'animu gintili,
    lu canusciti: jeni Cavallaru!
    Di prutistari non volia finiri,
    puru pi chistu poi l'arristaru.
    La vostra menti,mi dici l'istintu,
    vola a ddi jorna du quarantacincu!

    Lu fattu in tanti modi fu dipintu:
    cu scrissi niru e cu scrissi jancu,
    ndi po' parrari mali cu ndi vinni vintu,
    lu vantò assai cu ci spirava tantu!
    Lu cantastorie nni jeni cunvintu
    ca pi Caulonia resta un grandi vantu,
    dandosi forti pi prima na mossa
    desi all'Italia a Repubblica Rossa!

    Nta tutt'Italia si sentìu na scossa,
    c'è cu pinsò: “Ccà ndi fannu fissa!
    Firmamu, prestu,prima ca si 'ngrossa
    stu cumunismu sinnunca 'nd' abissa!
    S' u populu, ca scusa da riscossa,
    si svigghia finalmenti di sta lissa,
    nni fa pagari tutt' i cosi storti
    pi comu li tinimu a mala sorti!

    Li fatti furu tanti e u dicu forti:
    non eppi sempri giustizia a so parti.
    C'è cu n'apprufittò pi dari morti
    e pi lavari l'onuri 'e so fatti!
    Ma nti di jorna l'animi su 'nsorti
    sugnandu pi l'Italia novi patti.
    Partiu du Sud la rivoluzioni:
    “Viva Caulonia,abbassu li baroni!”

    Giustu lu tempu di sta dicisioni:
    di Riggiu e di Roma li vonnu firmari.
    Subbitu partiu la reazioni:
    “Ancora nun è ura di cangiari!
    Truvamu prestu na soluzioni!”
    La liggi è già pronta p'attaccari!
    Lu sognu di riscattu caulonisi
    nasciu e morsi nta lu stessu misi!

    Ma pi furtuna Cavallaru 'ntisi
    mettiri fini pacificamenti
    a sta rivolta, pirciò iddu decisi:
    “Pusamu l'armi istantaneamenti!”
    Sutt'o processu furu pi misi
    i capi di sti grandi eventi:
    resta u ricordu di sti jorna i gloria
    puru si jeni sulu microstoria.

    Un sulu mortu nte libri di storia
    non cunta nenti comu fussi aria
    ma pi cu teni ancora la memoria
    sa chi Caulonia pu sud è leggendaria!
    Lu cantastorie chiudi senza boria
    cu na murali pocu letterata:
    S'u nostru Sud nto suprusu campa
    viditi ca prima o poi si stanca!
    E si si stanca ripigghia la bandera
    di Cavallaru e da so Russa schera!!

    RispondiElimina
  4. Grazie, Giuseppina! ...anche per averci ricordato un romanzo straordinario, "Il selvaggio di Santa Venere" di Saverio Strati.

    RispondiElimina
  5. Dalla bacheca del "Danza cu lu ventu..." su Facebook il racconto di chi a Caulonia c'era:

    Santo:
    "..i TaranProject hanno cominciato a suonare a mezzogiorno.. dal caldo si moriva .. la gente non era quella che si vede ai concerti, ma le danze ci son state.. da lu cantu di lu marinaru a spagna, poi hanno chiuso con tarantella sicca e jimbusedu !!

    Francesco Franco:
    Prima tante bandiere e alcuni stand (coldiretti , sindacati... ). L'orario slittato molto in avanti, tra discorsi di sindaci e alcuni, molto accalorati, di giovani che reclamano occasioni di sviluppo e risveglio della locride ...
    I TP cominciano tardi, intorno a mezzogiorno, ma è l'occasione per chiacchierare un po' con loro dietro il palco e per commentare con Giovanna e Alfredo il fatto di aver coperto anche questa improbabile fascia oraria! :) ...Adesso sì, abbiamo danzato davvero ad ogni ora del giorno! Anche se stamattina il sole batteva forte in piazza Bottari, sorprendendoci ancora impreparati a temerlo, abbiamo ballato (e sudato) soprattutto sul finale Jimbusedu... Bella mattinata di musica e parole in una Caulonia capitale di qualcosa di nuovo e antico allo stesso tempo!

    RispondiElimina
  6. L'INNO DI MIMMO


    FRATELLI D'ITALIA,
    CALABRIA S'E' DESTA,
    DELL'ELMO DI MIMMO
    S'E' CINTA LA TESTA,
    DOV'E' LA VITTORIA,
    LE PORGA LA CHIOMA,
    CHE' SCHIAVA DI CAULONIA
    IDDIO LA CREO'!!!!

    RispondiElimina
  7. ciao..!!la canzone scritta da fildiferro castrus vetus si chiama..??

    RispondiElimina