In un lembo remoto d'Italia, la costa jonica calabrese attorno a Locri, è esploso nel 2009 un fenomeno musicale e culturale straordinario. Mimmo Cavallaro con i TaranProject ha tenuto in sei mesi oltre settanta concerti, conoscendo un successo via via sempre più travolgente, fino a suscitare un'autentica passione collettiva.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
INTRODUZIONE - - - il GRUPPO - - - il CONCERTO - - - i CD - - - i TESTI - - - le INTERVISTE - - - le STORIE
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

L'armacera

Com'è l'amore? Per la saggezza popolare calabrese è come un'armacera, il muretto a secco: per esser costruito richiede tempo, cura, dedizione nella ricerca degli incastri combacianti, necessari per assorbire le tensioni e comporre la forma perfetta e stabile; e tuttavia si può anche sfasciare in un attimo, con pochi colpi violenti.
Si fa nta n'anno e si spascia nta n'ura.
Così dice il testo di una canzone tradizionale molto amata, antico cavallo di battaglia dei SonuDivinu, ripresa saltuariamente qua e là, ma mai incisa dai TaranProject.
Ora l'abbiamo ritrovata cantata anche da Mimmo - che a onor del vero la eseguiva fin dall'epoca pre-TaranKhan - nel suo Sacro et Profano, mentre Cosimo continua a riproporla occasionalmente.
Eccolo in una insolita versione per sola voce e chitarra, video rubato durante quella che è una prova e nulla più; eppure che intensità espressiva, e che qualità vocale, in questo abbozzo buttato lì, quasi con la mano sinistra... che è la mano del genio, si sa.
video

Nessun commento:

Posta un commento