In un lembo remoto d'Italia, la costa jonica calabrese attorno a Locri, è esploso nel 2009 un fenomeno musicale e culturale straordinario. Mimmo Cavallaro con i TaranProject ha tenuto in sei mesi oltre settanta concerti, conoscendo un successo via via sempre più travolgente, fino a suscitare un'autentica passione collettiva.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
INTRODUZIONE - - - il GRUPPO - - - il CONCERTO - - - i CD - - - i TESTI - - - le INTERVISTE - - - le STORIE
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Cambio di scuderia

Come Alonso, come Vettel.
Anche i TaranProject si apprestano alla nuova stagione con un cambio di marchio, sia pur meno clamoroso di quello dei ferraristi: dalla CNI, Compagnia Nuove Indye, si sono trasferiti alla iCompany;
la novità è passata quasi sotto silenzio, perché non è cambiato il Briatore della situazione, cioè il manager, che è sempre Massimo Bonelli (Max ci perdonerà l'accostamento non troppo lusinghiero...). Infatti è più che altro lui che ha lasciato, dopo molti anni, la CNI, di cui è stato colonna portante, per mettere in pista un nuovo ambizioso progetto.
Che già si fregia, dopo pochi mesi di vita, della direzione artitica e organizzativa del Primo Maggio a Roma, affidata in questi giorni proprio al Bonelli!
Beh, i TaranProject a Piazza San Giovanni ci sono già stati due volte, e giacché non c'è due senza tre...

Nessun commento:

Posta un commento