In un lembo remoto d'Italia, la costa jonica calabrese attorno a Locri, è esploso nel 2009 un fenomeno musicale e culturale straordinario. Mimmo Cavallaro con i TaranProject ha tenuto in sei mesi oltre settanta concerti, conoscendo un successo via via sempre più travolgente, fino a suscitare un'autentica passione collettiva.
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
INTRODUZIONE - - - il GRUPPO - - - il CONCERTO - - - i CD - - - i TESTI - - - le INTERVISTE - - - le STORIE
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

A virrinedda

Ecco le parole di un'altra delle canzoni nuove dello spettacolo 2011.
Si tratta di un celebre brano della tradizione siciliana, su testo poetico di Luigi Capuana, tra le più ammirate interpretazioni della grande Rosa Balistreri.
E' il canto di un innamorato che la bellezza accecante dell'amata rende dapprima impertinente e poi subito soggioga, lasciandolo senza fiato;
ed attendeva da sempre un interprete maschile che sapesse reggere il confronto con la versione composta e quasi dolente della Balistreri.
Chi meglio di Cosimo Papandrea poteva impugnare questi versi, e render loro tutto lo splendore di ardimentosa passione con cui erano stati pensati?

(video da Youtube di Marinella Staglianò)


A VIRRINEDDA

Accattari vurria na virrinedda,
di notti la to porta a spirtusari,
e vidiri gioiuzza mia quantu si bella
quannu ti spogghj prima di curcari;
ma timu ca tu fussi accussì bella
ca l'occhi nun m'avissiru a 'nnurbari,
lassa la porta misa spaccatella
ca eu stanotti ti vegnu a truvari.

E na barcuzza banneri banneri
sta Dia d'amuri ni vinni a purtari;
ridianu tutti li celesti sferi
trimavanu li specchi di lu mari.
E binidittu Diu ca tti manteni,
c'accussì bella ti vossi furmari,
spampinanu li hjuri unn'è ca veni,
l'arìu tribbulatu fa' sirinari.

Avia li trizzi di na Mandalena,
'ntesta si miritava na curuna;
ni la to casa non ci sta lumeri,
lu lustru lu fa' tu stilla Diana.
Catina ca mi teni 'ncatinatu,
catina ca 'ncatini l'arma mia,
beni ti vogghiu cchiù di lu me hjatu,
accussì criju ca vo' bbeni a mmia.

(Nei commenti la traduzione in italiano)

15 commenti:

  1. La trivellina

    Vorrei comprare un piccolo trapano,
    per forare di notte la tua porta,
    e vedere, gioia mia, quanto sei bella
    quando ti spogli prima di coricarti.
    Ma temo che possa esser così bella
    che gli occhi mi si potrebbero accecare!
    Lascia la porta socchiusa,
    che stanotte ti vengo a trovare.

    E una barca piena di bandiere
    ci ha portato questa Dea;
    ridevano tutte le sfere celesti,
    tremavano gli specchi del mare.
    Benedetto Dio che ti conserva,
    che ti volle fare così bella,
    sbocciano i fiori dove passi,
    fai rasserenare il cielo tempestoso.

    Aveva le trecce di una Maddalena,
    in capo meritava una corona;
    nella tua casa non c'è lume,
    la luce la fai tu, stella Diana.
    Catena che mi tieni incatenato,
    catena che incateni l'anima mia,
    ti amo più del mio respiro,
    così credo che anche tu mi ami.

    RispondiElimina
  2. Ma questa canzone nn c'è nei 2 album ke si comprano ai concerti, cm mai?

    RispondiElimina
  3. caro Relax85,
    la canzone è nuova di quest'anno, per questo non compare nei cd.

    RispondiElimina
  4. e quando dovrebbe uscire il nuovo cd?

    RispondiElimina
  5. Non si trova neanche su iTunes... dove si potrebbe trovare ???

    RispondiElimina
  6. non si trova da nessuna parte, speriamo esca con il nuovo cd!

    RispondiElimina
  7. Testo di LUIGI Capuana, ma siete sicuri?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è proprio così! Il testo è una poesia del grande scrittore verista Luigi Capuana, originario di Mineo in Sicilia, vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento.

      Elimina
  8. Ma questo è documentabile? Nel senso, esiste all'interno di un testo o di una raccolta del Capuana (che ti pregherei di citare nel caso).Oppure l'attribuzione a questo autore è fatta in modo un po' fantasioso? Grazie in anticipo per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Breve ricerca sul web... ed ecco qua:
      c'è una pagina di Wikipedia
      che cita questa poesia di Capuana e anche la fonte, il libro Arba sicula vol.2, 1980.
      Questo il link:
      scn.wikipedia.org/wiki/Luiggi_Capuana

      Elimina
    2. Grazie ancora per la preziosa e puntuale consulenza.

      Elimina
  9. In dialetto reggino sarebbe cosi:

    'Ccattari vulissi na firrinedda,
    e di notti la to porta pirtusari,
    pi viriri gioiuzza mia quantu si bedda
    quandu ti spogghj prima di curcari;
    mi schiantu chi tu si cusì bedda
    chi l'occhi mei ponnu sciurbari!
    rassa a porta menza sgagghjatedda
    chi jeu stanotti ti vegnu a truvari.

    E na barcuzza banderi banderi
    sta Dia d'amuri ni vinni a purtari;
    ririunu tutti li celesti speri
    trimavanu li specchi di lu mari.
    E binirittu Diu chi tti mmanteni,
    chi cusì bella ti vossi furmari,
    spampinannu li hjuri quandu cumpari,
    u tempu n'trubbuliatu fa' sirinari.

    Aviva i trizzi i na Mandalena,
    'ntesta si mmeritava na curuna;
    nda to casa non c'esti lumera,
    lu lustru lu fa' tu stilla Diana.
    Catina chi mi teni 'ncatinatu,
    catina chi 'ncatini l'arma mia,
    beni ti vogghiu cchiù di lu me hjatu,
    'ccusì criju chi vo' bbeni a mmia

    RispondiElimina
  10. Salve sono contenta che avete pubblicato il mio video. Volevo informarvi che ho cambiato il nome del mio canale da Marimiketta a Marinella Staglianò. Sarei grata che cambiaste il nome anche qui. Grazie

    RispondiElimina